Dove origina l'Autostima

di Laura Cuttica Talice

 

IL PRINCIPALE PROBLEMA CHE HANNO I POPOLI E’ LA MANCANZA DI AUTOSTIMA.
Significa non avere fiducia nelle proprie possibilità, le proprie radici, la propria storia.
Considerando questa mancanza rilevo quanto sia importante.
L’autostima è una forza interiore che origina dall’anima delle persone da dove l’individuo deve scoprirla per vivere bene.
Senza autostima non c’è vita.

Le persone che difettano di autostima stanno male e hanno bisogno di essere aiutate psicologicamente per ritrovarla o costruirla, perché molte malattie originano da questa mancanza così diffusa nelle persone.
I problemi delle persone causano i problemi dei popoli o sono i problemi dei popoli che causano mancanza di autostima nella gente?
E’ tutto collegato.
Il coraggio e l’autostima sono connessi e per risolvere i problemi che affliggono i popoli, che sono l’insieme delle persone, ci vogliono entrambi.
Prendiamo l’esempio di due nazioni che hanno la storia più importante di tutte e che sono la Grecia e l’Italia, esse hanno creato la cultura dei popoli, hanno conquistato, incivilito e guidato nell’antichità le genti con le quali sono venute in contatto.
Oggi queste due grandi Nazioni sono in grande sofferenza economica nella comunità europea, entro la quale ovunque si trovano testimonianze del loro passaggio. In modo particolare la cultura di Roma ha influenzato grande parte dell’Europa, ovunque si sia esteso il suo influsso.
Cosa ha generato questo oblio culturale che ha lasciato il passo ai problemi, al degrado, alla mancanza di quella Leadership illuminata che nell’antico passato guidava i popoli ?
Un lento declino, che ora è diventata una passività irriconoscibile nel DNA psichico ereditato tanti secoli fa, la storia ce lo insegna.
L’essere umano senza o con poca autostima, si lascia andare, non sogna e non progetta, quasi si nasconde e certamente sta male.

L’autostima invece è l’opposto, è rinascita e creatività.
L’autostima è una sensazione molto piacevole che da una percezione di benessere e di capacità per affrontare ciò che accade o che accadrà.
E’ vitale averla perché in sua mancanza la vita è molto difficile.
L’autostima è un fondamentale bisogno necessario per vivere in modo equilibrato.
Questo bisogno nasce nell’infanzia quando il bambino si stacca dalla famiglia che lo protegge e va a scuola.
Deve confrontarsi con i compagni e con le prime frustrazioni derivanti dalla competizione con loro.
E’ fondamentale che abbia degli insuccessi perché lo aiutano a capire quali siano i confini del proprio comportamento e come fare per allargarli, perché ogni insuccesso, per chi lo ha, porta con sé la lezione necessaria per imparare ad avere successo.
E’ importantissima la reazione all’insuccesso. Tutto nasce da bambini dalla reazione dei genitori, in modo particolare della madre.
Se il bambino è sgridato, la sensazione che prova è spiacevole e castrante.
Il rimprovero di solito è la reazione negativa del genitore o dell’educatore alla propria scontentezza, ma l’errore, l’insuccesso riguarda invece il bambino e una reazione sana deve distinguere il fatto dal bambino.
Il bambino è sempre giusto
, mentre è il comportamento sbagliato che è da correggere perché non sia ripetuto.
Se invece il bambino percepisce di essere sbagliato, il suo stato d’animo sarà perennemente negativo e la cosa grave è che questo atteggiamento di dubbio, se non addirittura di certezza sulle sue incapacità, perdurerà nel tempo, perché costituisce la base della sua insicurezza.
La vita è un’avventura misteriosa e continua, fatta di piccole o grandi cose e per affrontarle bisogna possedere l’energia giusta e appropriata per ogni avvenimento.
Chi ha autostima non si arrende e spesso le difficoltà rappresentano una sfida che genera energia per affrontarle in modo naturale e trova soluzioni anche se difficili perché s’impegna e vuole farcela.
Chi non ha autostima si arrende, le difficoltà lo bloccano, tutto gli appare molto più grande di quello che in realtà è, come qualcosa che va oltre le proprie forze e questo succede anche a chi ha poca autostima, di conseguenza trova molto difficile vivere, prova fatica che diventa un prosciugatore di energia.
L’autostima invece porta con sé energia e benessere che insieme danno la direzione della vita.
Perciò sviluppare l’autostima è il percorso necessario alla propria crescita che ciascuno dovrebbe fare, perché nessuno può farlo per un altro.
Nello stesso tempo riuscirci è esaltante, perché ogni persona è responsabile del proprio successo, felicità, equilibrio.

Tuttavia, anche se la poca autostima dell’adulto ha origini lontane, il problema è rimediabile, perché ciò che non è stato insegnato da bambino può essere appreso da adulto, l’importante è volerlo fare, perché si può imparare sempre nel corso della vita.
E’ un percorso per trovare serenità, armonia e benessere e da un po’ di anni esistono tante esperienze formative che aiutano ad apprendere ciò che manca all’equilibrio dell’uomo.
La vita vuole che sia il singolo individuo ad assumersi responsabilità per trovare la propria felicità e che risolva tutti i problemi che lo allontanano da lei, per diventare indipendente e autonomo così che possa vivere il destino che si è scelto per nascere.
Non c’è niente di più esaltante che riuscire a conoscersi meglio, ad apprezzare i propri talenti e le proprie capacità per mezzo delle quali, la persona raggiunge gli scopi che desidera o i sogni che l’attirano.

C’è un significato in tutto quello che accade alle persone e la conquista dell’autostima, può essere il percorso necessario all’evoluzione della loro anima.
Il viaggio della vita propone molti percorsi per evolvere, sono avventure interessanti, costruttive e rimarchevoli in qualsiasi forma si presentano.
La ricerca dell’autostima può essere uno di questi percorsi, per mezzo del quale si manifesta l’abbondanza della persona e il suo piacere di vivere.